sabato 15 novembre 2014

RECENSIONE: SHADOWHUNTERS - Città di cenere


Ciao a tutti!!! Volevo pubblicare questo post già ieri, ma poi non ci sono riuscita, quindi eccomi qui.... che dire, questo libro non era previsto questo mese, ma la fine dell'anno si avvicina e io ho iniziato a fare "pulizia" e a finire le serie iniziate.....


Titolo: Shadowhunters - Città di cenere
Serie: Shadowhunters #2
Autore: Cassandra Clare
Casa Editrice: Mondadori
Uscita: 2008
Pagine: 470
Prezzo:  10,00 €

TRAMA 

Clary: vorrebbe che qualcuno le restituisse la sua vecchia, normalissima vita. Ma cosa può esserci di normale quando tua madre è in un coma indotto con la magia e tu sei una Shadowhunter, una cacciatrice di demoni? Valentine: l'unica speranza che Clary ha per salvare la madre. Un uomo pericoloso, probabilmente pazzo, sicuramente spietato, che, fra l'altro, è suo padre. Jace: è il fratello che Clary non sapeva di avere. Bellissimo, magnetico ed esasperante, è disposto a tradire tutto ciò in cui crede, pur di aiutare il padre… E mentre a New York si moltiplicano gli omicidi, nella Città di ossa scompare la Spada dell'Anima. Il sospetto è che dietro i delitti ci sia Valentine. E Clary­ si trova costretta a scelte che mai avrebbe voluto compiere…

COSA NE PENSO

Città di ossa mi era piaciuto, ma non in maniera folle: riconoscevo il potenziale, ma era stato lento nella partenza, nelle spiegazioni, nell'introduzione dei personaggi... un libro introduttivo insomma.
Città di cenere, invece, è stato molto più dinamico proprio perchè tutti questi dettagli erano già stati spiegati, e quindi la Clare è partita in quinta con la narrazione.

In questo libro, ambientato subito dopo le vicende del primo, Clary cerca di capire chi è e scopre le sue capacità come cacciatrice, ma non è semplice rinunciare a Jace (di cui è innamorata ma che ha scoperto essere suo fratello) e ritrovare al suo fianco l'amico di sempre Simon (che è da sempre innamorato di lei).
A costo di essere trucidata da tutte le sue fans, io detesto Jace. Lo trovo arrogante, maleducato, immaturo, e non mi importa molto della sua difficile infanzia, questo non gli da il diritto di ferire gli altri ed essere così sgarbato; preferisco di gran lunga Simon, mi ci identifico nella sua passione per i manga e i fumetti, e ho veramente tremato per lui in questo capitolo.
Un'altra cosa che mi infastidisce è come tutti si fanno infinocchiare da Valentine....a me non sembra che abbia poi tutto questo carisma, eppure eccoli lì tutti a scodinzolare quando lui parla....
Meno male che c'è Magnus Bane, che mi fa semplicemente rotolare sul letto dalle risate e alleggerisce molto la tensione!!!

Secondo me, la Clare si stava ancora impratichendo in questo libro, avevo come l'impressione che molti piccoli dettagli le sfuggissero di mano: ad esempio, perchè Clary e Simon non vanno a scuola? Sappiamo che hanno 17 anni, e che è autunno... Clary in un capitolo chiede a Simon dov'è sua sorella, e Simon risponde che è a scuola....altro esempio, la Clary all'inizio sostiene che Simon sia seduto per terra appoggiato con la schiena al suo letto, ma qualche pagina dopo afferma che il letto di Simon è un futon giapponese, che quindi è un materasso per terra e non può in alcun modo fornire un appoggio ad una persona seduta.... ed è sempre questo stesso letto che Simon usa per barricarsi in camera mettendolo davanti alla porta, mentre Clary stupita gli chiede "ma come hai fatto a sollevare il tuo letto?" Cara Clary, essendo un futon non dovresti essere tanto stupita....
Sono piccoli dettagli, ma i grandi libri si distinguono proprio per questi dettagli, ragion per cui darò solo tre stelline e mezzo (il mezzo punto è per il migioramento rispetto a Città di ossa).

Stagione: direi inizio autunno, le giornate sono fresche nel libro, molto spesso i personaggi hanno freddo....


9 commenti:

  1. La Clare secondo me si è superata con questa saga....non tutti i libri sono allo stesso livello ma solo alla fine potrai apprezzarne la complessità e la bellezza, non smettere di leggerli ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente leggero' anche gli altri, citta' di vetro lo voglio leggere entro Natale... so che tutti dicono che piu' si prosegue piu' migliora,quindi sono molto fiduciosa....

      Elimina
  2. questa volta non concordiamo, io ADORO Jace e anche questa serie. Anche se mi lascia sempre un velo di tristezza ed è per questo che non l'ho ancora finita del tutto (ma mi mancano solo gli ultimi due e ho già letto il prequel vittoriano)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiaretta,non possiamo sempre-sempre essere d'accordo su tutto,questa sara' la nostra eccezione che conferma la regola....^^

      Elimina
  3. Jace a me piaceva di più nei primi volumi, mentre a saga conclusa posso dire che non è per niente il mio personaggio preferito. Magnus Bane è fantastico, impossibile non adorarlo.
    Comunque ti consiglio di continuare. Più avanti vai, più ti accorgi come lo stile della Clare maturi. Non ti scordare di fermarti dopo Città di vetro e iniziare la serie delle origini. In città degli angeli caduti ci sono molto riferimenti a quella serie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me ne ricordero'!! Grazie per l'avviso!! ;-)

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Concordo con te sul fatto che Jace sia un bel po' strafottente, ma a volte è questo suo fare che lo rende attraente. (si faccio parte del team Jace ^_^)
    I libri comunque sono davvero bellissimi e migliorano moltissimo, peccato che ci sia una fine. :(

    PS: ti ho nominato per un premio sul mio blog (http://wordsofbooks.wordpress.com/2014/11/19/liebster-blog-award/)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammetto che a volte la sua strafottenza fa ridere ^^

      Elimina

Vi ringrazio per i vostri commenti, mi aiutano a migliorare e a interagire con voi!!!